Intervista con il logo designer Prabbal Kanti Dey alias Creativiti

Siamo orgogliosi di presentare la nostra comunità di designer ai nostri lettori, e abbiamo pianificato una serie di interviste.

Prabbal Kanti Dey alias creativi è un attivo e talentuoso membro della comunità di designer di Logo Arena (potete trovare il suo portfolio qui: http://www.logoarena.it/logo-designers/creativiti).

me23creativiti al suo banco di lavoro

E adesso iniziamo l’intervista:

Puoi dirci qualcosa di te e del tuo background professionale?

Bene, mi chiamo Prabbal Kanti Dey. Sono nato a Kolkata in India il 28 settembre del 1977. Ho preso la mia laurea in ingegneria meccanica al Shirdi Sai Engineering College di Bangalore. Attualmente lavoro come ingegnere industriale presso Texport Industries Pvt. Ltd, Bangalore, che è un’azienda leader in India nella fabbricazione ed esportazione di vestiti. Sono sempre stato un creativo fin dalla mia giovane età, e ho sempre partecipato con successo ad attività extra curricolari nelle scuole che ho frequentato. Scrivevo anche poesie, piccoli racconti, articoli ecc…

Sebbene ami il design, non ho svolto un percorso di studi formale in tal senso. Ho imparato ad usare Pro/E, AutoCAD e Unigraphics, software di progettazione meccanica, per via del mio lavoro da ingegnere. Progettare loghi è il mio hobby, ma sono veramente appassionato e prendo questo hobby seriamente passando molto del mio tempo libero in questa attività.

Sono sempre stato attratto da i grandi loghi e a volte ho provato a tracciare schizzi delle mie idee. Ho iniziato a pensare seriamente alla progettazione di loghi come un lavoro durante i primi tempi della recessione nel 2008. Ho imparato ad usare Corel Draw e iniziato a disegnare loghi nel 2010.

Inizialmente ci sono stati alcuni problemi perché non ero molto bravo, ma i miei genitori e mia moglie Pavana mi hanno spinto a continuare. Ho concorso contro i migliori nel campo e ho vinto il mio primo concorso nel 2011. Da allora non mi sono più fermato.

Perché hai scelto di specializzarti nei loghi?

I grandi loghi mi hanno sempre affascinato anche prima di diventare io stesso un creatore di loghi. Del resto mi sono sempre sentito un creativo. Ho scelto di progettare loghi perché secondo me è uno dei processi più creativi nel campo della grafica. Un designer di loghi deve creare qualcosa di originale e unico ogni singola volta. E questa è la sfida.

Quali pensi che siano le caratteristiche più importanti per un logo di successo?

La cosa più importante è che il logo deve essere unico e rappresentare l’identità dell’azienda o prodotto per cui si propone. Deve essere semplice e comunicare la sostanza del messaggio a colpo d’occhio. Deve avere dietro un concetto, deve essere facilmente comprensibile e riconoscibile e soprattutto deve contenere il fattore “wow”.

Puoi spiegarci qual è il tuo processo tipico quando disegni un logo per un cliente?

Inizio leggendo il questionario parecchie volte. Questo mi aiuta a capire meglio le richieste del cliente. Poi inizio a fare alcune ricerche sul web. Nel caso in cui il logo sia letterale, verifico un po’ i loghi simili già esistenti anche per evitare di realizzare qualcosa di originale a prova di copyright. A questo punto inizio con carta e matita a buttare giù i miei schizzi. Quando penso di aver trovato l’idea giusta inizio a lavorare in Corel Draw. Rispetto molto il feedback del cliente per cui una volta che inizio a partecipare a un concorso lavoro alle eventuali modifiche richieste dal cliente fino a che non siamo entrambi convinti del risultato.

Hai qualche consiglio per i principianti?

Prima di tutto dovete pensare a qualcosa di unico e originale. Non si può parlare subito di loghi buoni o cattivi. Affina le tue capacità e fai bene i tuoi compiti, mettendocela tutta.

In questo modo, ogni giorno impariamo qualcosa di nuovo. Un logo in un concorso risulterà vincente perché a qualcuno è piaciuto più degli altri, ma questo non significa che tutti gli altri loghi non sono buoni. Per questo motivo il mio consiglio è di lavorare duro e non di usare scorciatoie. Ricorda di non copiare gli altri utenti che partecipano al concorso perché questo vuol dire prendere in giro anche se stessi.

Auguro a tutti, buona fortuna e buon lavoro!